Tiramisù Raffaello

104

Il Tiramisù Raffaello l'ho soprannominato il Tiramisù del Natale, grazie ai suoi cioccolatini Raffaello. Una goduria.

Tiramisù Raffaello: il tiramisù del Natale

Da brava trevigiana amante del Tiramisù, non potevo che crearne uno in versione natalizia: Tiramisù Raffaello, il Tiramisù del Natale.
Se c’è una cosa che aspetto con ansia ogni anno, oltre al Natale, sono i cioccolatini Raffaello. Palline ricoperte di cioccolato bianco e cocco, che nascondono un wafer croccante dal ripieno cremoso. E scommetto che la maggior parte di voi li amerà tanto quanto me. Quindi ho pensato “perchè non metterli in un Tiramisù?” Ed ecco nata una nuova ricetta super golosa!

TIRAMISÙ-RAFFAELLO-TIRAMISÙ-DEL-NATALE

I segreti per un tiramisù perfetto
  1. Per fare un Tiramisù Perfetto bisogna sempre utilizzare ingredienti di ottima qualità e io vi consiglio questi:
    – Mascarpone Lattebusche
    – Savoiardi Vincenzovo
    – Cacao amaro Perugina
    – Uova di prima scelta
    Non per niente questi prodotti sono anche gli sponsor ufficiali della Tiramisù World Cup , evento che avviene a Treviso e rende orgogliosa la città di ospitarlo.
  2. È importante BAGNARE i savoiardi nel latte nel modo giusto, ovvero: 
    – utilizzando latte e Marsala (o Rum) CALDI
    – bagnare (e non inzuppare) il savoiardo, prima da un lato, poi dall’altro e infine di nuovo al primo lato bagnato. Non immergere quindi il savoiardo, ma intingerlo leggermente nel latte-Marsala.
    – questo passaggio è da fare rapidamente
  3. Creare una crema al mascarpone gonfia:
    – PRIMA montare i tuorli con lo zucchero, mi raccomando, il composto deve risultare quasi bianco, gonfio e lucido; solo dopo si deve incorporare il mascarpone, amalgamarlo velocemente (sempre con la frusta elettrica). Si deve ottenere un composto sodo e corposo.
    – DOPO, aggiungere gli albumi montati a neve ben ferma, mescolando dall’alto verso il basso con una spatola, A MANO, LENTAMENTE E SENZA FRUSTE ELETTRICHE, per renderlo gonfio come una nuvola.
    -mi raccomando, gli albumi devono essere montati a neve ben ferma, ovvero devono risultare gonfi e sodi!
  4. Quanti strati fare?
    – due: ad ogni strato, composto da savoiardi e crema al masarpone, aggiungere poi una spolverata di cacao amaro
    – il cacao amaro va messo appena fatto il dolce e non poco prima di servirlo
  5. Ma la panna va messa?
    Non mi avete fatto questa domanda.
  6. Quanto deve riposare in frigo?
    Il tiramisù andrebbe fatto il giorno prima per il giorno dopo, perchè ha bisogno di riposare in frigo per almeno 8 ore, ancora meglio se si lascia più tempo
  7. Come deve risultare il tiramisù, una volta fatto e lasciato riposare?
    – crema gonfia
    – savoiardi né troppo bagnati né troppo secchi
    – leggero strato di cacao sopra, giusto per non soffocarsi

TIRAMISÙ-RAFFAELLO-TIRAMISÙ-DEL-NATALE


Se invece volete scoprire la ricetta del Tiramisù Originale, fate click qui e scopritela! 😉


5 from 1 vote

Tiramisù Raffaello

Porzioni 5 persone

Ingredienti

  • 3 uova
  • 3 cucchiai zucchero bianco
  • 250 g mascarpone , Lattebusche
  • 16 cioccolatini Raffaello
  • 2 cucchiai cocco disidratato
  • 2 cucchiai Marsala
  • 200 g savoiardi Vincenzovo
  • 250 g latte

Istruzioni

  • Fai il caffè
  • Dividi le uova dagli albumi
  • Monta bene gli albumi a neve ben ferma e metti da parte. Devono risultare gonfi e sodi
  • PRIMA monta i tuorli con lo zucchero, mi raccomando, il composto deve risultare quasi bianco, gonfio e lucido; solo dopo si deve incorporare il mascarpone, amalgamandolo a bassa velocità, per pochissimo (sempre con la frusta elettrica). Si deve ottenere un composto sodo e corposo.
  • DOPO, aggiungi gli albumi montati a neve ben ferma, mescolando dall'alto verso il basso con una spatola, A MANO, LENTAMENTE E SENZA FRUSTE ELETTRICHE, per renderlo gonfio come una nuvola.
    Questo passaggio della ricetta sarà il più lungo, ma ne varrà la pena. MI RACCOMANDO: NON MESCOLARE CON LE FRUSTE ELETTRICHE, PERCHÈ IL COMPOSTO SI SMONTERÀ
  • A parte, su una ciotola, con una forchetta, schiaccia e rompi 10 cioccolatini Raffaello e aggiungili alla crema, insieme al cocco disodratato; mescolare dall'alto verso il basso per incorporare bene gli ultimi ingredienti
  • Metti in un pentolino il latte e il marsala; riscaldare se necessario perché deve essere bello caldo per bagnare i savoiardi
  • Con movimenti RAPIDI: bagna (e non inzuppare) il savoiardo, prima da un lato, poi dall'altro e infine di nuovo al primo lato bagnato. Non immergere, quindi, tutto il savoiardo, ma intingilo leggermente nel latte-Marsala, sennò risulterà troppo molliccio e rilascerà troppo liquido. Mi raccomando, precisione e velocità
  • Forma uno strato di questi savoiardi bagnati (ponendoli uno accanto all'altro), ricoprirlo con uno strato di crema al mascarpone (metà della crema ottenuta); ripeti i passaggi un'altra volta per ottenere due strati e infine cospargi la superficie con altro cocco disidratato e cioccolatini Raffaello
  • Fai riposare il tuo tiramisù in frigo per minimo 6/8 ore, anche se io lo faccio sempre la sera o il giorno prima per il giorno dopo

Note

È fondamentale il passaggio n.7,  perché per un buon tiramisù bisogna bagnare i savoiardi al punto giusto e per farlo vi scotterete un pochino le punta delle dita, ma per il tiramisù questo e altro.
Inoltre, vi consiglio di lasciarlo riposare in frigo il più possibile, perché per questo dolce, più aspetti e più è buono!
Quando lo assaggerete capirete che aspettare tanto ne è valsa la pena

Seguimi su Instagram e condividi ogni mia ricetta che fai!
Entra anche tu nella community dei #pupini
Chi sono i pupini? Chi mi segue con affetto e mi porta nelle sua cucina 😍

Join the Conversation

  1. Adoro questa ricetta, l’ho realizzata lo scorso fine settimana e tutta la mia famiglia l’ha adorata!! Grazie Chiara 😍

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Valutazione ricetta




Close
Chiara's Bakery © Copyright 2020. All rights reserved.
Close